Calcio vs Basket: la mia conversione alla Pallacanestro

Sin da piccolo, come quasi tutti gli adolescenti in questo Paese, ho sempre avuto una passione smisurata per il gioco del calcio, sia praticato sia seguito in tv. E per chi mi conosce sa quanto ho amato questo gioco, in tutti i suoi aspetti, praticando anche giochi virtuali ad esso legato come fantacalcio prima e scommesse in seguito. Sono arrivato al punto di guardare ogni genere di partita, di qualsiasi campionato, a conoscere praticamente ogni squadra, una miriade di informazioni sui calciatori e sviluppare tante teorie diventando uno dei tanti allenatori presenti in Italia…

Pian piano però dopo tanti anni il giocattolo comincia a rompersi, a diventare un pò obsoleto, anche perchè di spettacolo in questo gioco non è che ce ne sia tanto, ed escludendo qualche gara di cartello, l’80% delle partite è di una noia mortale, a dispetto di chi dice che può essere bello anche uno 0-0 o un 1-0 (e il 70-80% delle partite fateci caso termina con questi risultati).

L’approccio, l’occasione e la scintilla

In questo contesto, con la passione che a poco a poco scemava, durante il periodo delle feste Natalizie del 2018 il calcio si prende una pausa di qualche settimana ed io, che come accennavo all’inizio amo anche scommettere, comincio ad andare alla ricerca di qualcosa di alternativo.

Ed ecco che scopro il basket e la NBA (che sono quasi due sport diversi). La prima esperienza, manco a dirlo, nasce in ambito di scommesse: punto su alcune partite e poi seguo su Diretta.it come ho sempre fatto con il calcio. Ed ecco la prima grande novità: mentre col calcio il più delle volte aspettavo per ore anche un solo gol (mi è sempre piaciuto giocare sul numero dei gol piuttosto che sui segni 1 X 2) che puntualmente non arrivava mai, ecco che nella partita di basket che seguo lo score inizia a girare come un pallottoliere, con punti a destra e manca.

E dopo qualche giorno cosi la tentazione diventava irresistibile: dovevo assolutamente guardare una partita di Basket. La prima occasione arriva il 30 Dicembre 2018, quando scopro che Rai Sport trasmette in diretta i posticipi della Serie A. Alle 20.30 quindi mi siedo davanti alla Tv e comincio a guardare la mia prima partita di Basket: VL Pesaro – OpenJobMetis Varese, partita che termina 78-98. Ed è subito amore a prima vista….

Da quella data la mia passione per la pallacanestro diventa un crescendo rossiniano, e quello della domenica sera un appuntamento fisso con i posticipi. Ma non mi accontento e cerco di più, fino ad arrivare alla NBA…

E non c’è che dire, questa è proprio una Lega di un altro pianeta. Guardare una partita di NBA mi ha sconvolto le credenze sportive, e resterò sempre legato ai Boston Celtics, prima partita che ho visto in streaming sul web infatti la vittoria dei Celtics contro i Dallas Mavericks per 114-93 alle 2.00 di notte del 5 Gennaio 2019

La passione a questo punto è esplosa, e comincio a coltivarla andando alla ricerca di varie informazioni: regolamenti, albi d’oro, squadre, giocatori, competizioni per cominciare a farmi una certa cultura.

Vi giro alcuni link che potranno essere di grande interesse per chi vuole iniziare ad avvicinarsi a questo sport.

Regole del gioco del Basket

Regolamento NBA

Storia delle Finals NBA

NBA League Pass (abbonamento a pagamento per le partite della NBA)

Regolamento e Storia Serie A Italiana

Sito Uffiliciale della Lega Basket Serie A

LNP TV PASS (abbonamento a pagamento per le partite di Serie A2 italiana)

LNP CHANNEL (Canale Youtube che trasmette gratis in streaming le partite della Serie B italiana)

Ma cosa ha di così bello il Basket?

  1. ETICA. La prima cosa che mi ha colpito, nel basket italiano, è che in tutte le categorie prima della partita viene cantato l’inno nazionale. Nelle componenti si nota una unione fra i giocatori di una squadra che va oltre i fatti legati al parquet del palasport. E lo si nota dal continuo schiacciarsi il cinque, per qualsiasi azione, con qualsiasi esito.
  2. SPIRITO. A parte l’etica, è lo spirito del gioco che mi ha catturato. Nel basket una squadra ha 24 secondi per costruire un tiro, dopo di che l’azione viene interrotta e la palla passa all’avversario. Nel basket non esiste un termine che mi ha fatto stufare del calcio, la cosiddetta “melina”. Bisogna giocare, bisogna tirare. Ed il gioco deve essere effettivo: se è vero che una partita di basket dura 40 minuti divisi in 4 quarti da 10 minuti a tempo (ad eccezione della NBA dove i quarti durano 12 minuti) è anche vero che questi minuti devono essere di gioco effettivo in quanto il cronometro viene stoppato quando il gioco è fermo, anche in occasione dei tiri liberi.
  3. NUMERI. Il Basket è un gioco legato tantissimo ai numeri ed alle percentuali: i fattori più importanti infatti sono i rimbalzi conquistati da una parte e le palle perse dall’altra, che consentono alle squadre rispettivamente di guadagnare o perdere un possesso, quindi la possibilità di fare un tiro. Nel basket inoltre non esiste il pareggio: si gioca solo a vincere. Anche in partite di campionato infatti in caso di parità a fine tempi regolamentari si giocano i supplementari.
  4. FORMULA. Nel Basket la il campionato serve solo a disegnare la griglia finale dei play off. Bisogna entrare nelle prime 8, e l’unico vantaggio di terminare in posizioni più alte è quello di avere il fattore campo dalla propria parte. Ogni partita dei Quarti e delle Semifinali Play off si gioca su serie di 3 su 5 (a chi arriva per prima a tre vittore su un massimo di 5 gare) mentre la Finale è di 4 su 7. In NBA sempre 4 su 7. Questa formula elimina la fortuna e le recriminazioni: devi davvero essere il più forte per passare il turno e vincere.
  5. BRANDS. La NBA è spettacolare e vende benissimo, al pari di una casa di moda. T-Shirts, divise, felpe, gadgets, tutto bellissimo e coloratissimo. Se vuoi acquistare il tuo primo “cimelio” del mondo NBA, puoi farlo attraverso questo link.

Conclusioni

Ho cercato di dare una panoramica chiara su questo sport e su quelle che sono state le dinamiche che mi hanno spinto a seguirlo. Ho voluto anche che questo argomento fosse il tema del mio primo post su questo blog, proprio perchè è quello che maggiormente focalizza le mie attenzioni ed anche perchè mi piacerebbe essere parte trainante di tutto il movimento cestistico.

Se questo post ti è piaciuto, condividilo e commentalo sui Social Network!